Luoghi di interesse a Roma

Roma Easy Tour

Tour operator a Roma. Trasferimenti, escursioni visite guidate nella capitale

Luoghi di interesse a Roma

Diciamolo subito: impossibile indicare quelli che potrebbero essere tutti i luoghi di interesse a Roma. Roma è una città talmente ricca di meraviglia che possiamo solo indicarvi quelle, per noi, imperdibili

Per noi di romaeasytour.com i luoghi di interesse di Roma sarebbero talmente tanti che non basterebbero dieci siti web per indicarli tutti. Quindi proviamo ad indicare quelli che sono diventati quasi un simbolo, un vero e proprio mito. Luoghi di interesse di Roma che, soprattutto chi la visita la prima volta, desidera assolutamente vedere. Consapevoli che anche altri mille viaggi a Roma potrebbero dare l'occasione di vedere sempre cose diverse.

Chi definisce Roma un museo a cielo aperto dice la verità. In una città così elencare alcuni luoghi di interesse suona quasi come una necessaria momentanea dimenticanza di altri luoghi di interesse. Del resto Roma ha, letteralmente ad ogni angolo, qualche palazzo, qualche chiesa, qualche piazza gravide di bellezza e di storia. ma visto che da qualche parte bisogna pur cominciare ecco i luoghi che noi di romaeasytour.com pensiamo che tutti debbano vedere se vengono a Roma per la prima volta e per poco tempo.

Basilica di San Pietro
basilica di san pietro in roma

Non solo centro della cristianità e meta di milioni di fedeli da tutto il mondo ma anche vero e proprio capolavoro d'arte. La Basilica di San Pietro simbolo di fede è, oltre a ciò, bellissima abbracciata com'è dalla monumentale e suggestiva Piazza San Pietro. Da molti viene anche descritta come la chiesa più grande del mondo. Un edificio dalla storia lunga visto che la sua costruzione iniziò nel 1506 quando papa era Giulio II per terminare solo nel 1626. Luogo di storia e suggestione che sorge su un'area in cui sorgeva il circo di Nerone e una necropoli in cui sarebbe sepolto addirittura l'apostolo Pietro. Alla sua costruzione partecipò anche Michelangelo Bonarroti. Siamo di fronte a qualcosa di davvero unico per carica spirituale e bellezze artistiche.

Piazza Navona
piazza navona

Una delle più conosciute e celebrate piazze di Roma. Un vero e proprio monumento voluto da Papa Innocenzo X a dimostrazione, ancora una volta, di come Roma debba molta della sua architettura proprio alla chiesa. Anche questo è un luogo che può raccontare moltissime storie visto che qui c'era addirittura lo stadio di Domiziano. L'obelisco che si trova al suo centro arriva dal circo Massenzio. Piazza Navona è anche ricca di curiosità come quella per cui una volta, ad agosto, la piazza veniva allagata per combattere il caldo. È uno dei più bei simboli dell'arte barocca della città con opere di Bernini e la Fontana dei Quattro Fiumi e del Borromini. Si tratta di una piazza dal grande valore anche simbolico dal momento che doveva essere un omaggio al casato dei Pamphili a cui apparteneva anche Innocenzo X. La piazza ospita anche uno dei mercati più amati dai romani e dai turisti.

Colosseo
colosseo di roma

Ecco quello che, probabilmente, è il vero simbolo di Roma, il più grande anfiteatro del mondo oltre che il pezzo di storia più imponente di tutta Roma. Si tratta di una vera meraviglia che, non a caso, nel 1980 è stato inserito nei Patrimoni dell'Umanità dall'UNESCO. Il Colosseo venne costruito nell'età Flavia dall'imperatore Vespasiano venne utilizzato in vari modi, persino come cava. Il suo nome era Anfiteatro Flavio mentre la denominazione Colosseo, dovuta alla vicina statua del Colosso di Nerone, cominciò ad entrare in uso solamente a partire dal medioevo. Si tratta davvero di una struttura imponente con un perimetro di quasi 530 metri e una superficie di raggiunge quasi i 3360 mq. Simbolo di quella che era una filosofia celebrativa tipica della Roma antica ospitava gli spettacoli dei gladiatori e altri spettacoli.

Piazza di Spagna
piazza di spagna

Con la scalinata di Trinità dei Monti è forse la piazza più celebre di Roma e la più fotografata insieme alla famosa fontana della Barcaccia realizzata dal Bernini. La bellissima scalinata venne inaugurata dal Pontefice Benedetto XIII nel 1725 per il Giubileo. In realtà la sua funzione voleva essere molto pratica: doveva infatti unire l'ambasciata spagnola con la chiesa appunto di Trinità dei Monti. Su questa piazza si affaccia un luogo molto amato e visitato dai turisti e cioè quella che fu la casa del grande poeta Keats e oggi divenuta museo. Sempre qui un altro pezzo di storia che risale al 1893 e cioè la celebre sala da tè Babington's.

Campidoglio
campidoglio di roma

Eccoci su uno dei mitici sette colli su cui Roma venne fondata. Un luogo, dunque, gravido di storia come è facilmente immaginabile. Tra i tanti episodi storici a cui è legato questo luogo c'è la celebre presa da parte dei Sabini in vendetta al famoso fatto storico del Ratto delle Sabine. Anche qui, come in molte altre zone di Roma, i visitatori sono letteralmente sommersi da un concentrato di arte e bellezza come la scalinata dell'Ara Coeli, la piazza di Michelangelo, musei e una vista sulla città che fa davvero venire la pelle d'oca. Un luogo dalla bellezza quasi perfetta.

Fontana di Trevi
fontana di trevi

Questa è, probabilmente, non solo la più celebre fontana di Roma ma del mondo intero e simbolo dell'arte barocca. Uno dei luoghi più amati e visitati dai turisti che sembrano letteralmente calamitati da questa fontana. Noi siamo abituati a vederla come attrazione turistica ma, in realtà, si tratta di un'opera dalla storia lunga e complessa, legata a papi e a diversi periodo storici. Il tema dell'opera è il mare con una scogliera che ne domina la scenografia e con una statua di Oceano. Ai lati le statue della Salubrità e dell'Abbondanza e due cavalli, quello agitato e quello placido che simboleggiano gli stati d'animo del mare. Si tratta davvero di una icona della città eterna, è il minimo che si possa dire. Divenuta tale anche grazie al cinema che, non insensibile al suo fascino, l'ha immortalata in tanti film il più celebre dei quali la mitica Dolce Vita di Fellini. Molte sono le leggende che la vedono protagonista: la più nota anche tra i turisti è quella secondo cui, voltandole le spalle e lanciando una moneta, ci si garantisce un ritorno a Roma.

Foro Romano
foro romano

Posto tra il Campidoglio e il Palatino era praticamente il cuore pulsante dell'Antica Roma. Si tratta di un vero e proprio luogo di culto dal punto di vista turistico. Alcune fonti sostengono che il percorso turistico che comprende Colosseo, Palatino e Foro Romano nel 2013 sia stato percorso e visitato da quasi 6 milioni di turisti diventando così il luogo più visitato del nostro paese. La sua storia è strettamente intrecciata a quella di Roma anche solo pensando al fatto che la sua definitiva sistemazione si deve niente meno che a Cesare e ad Augusto. Qui davvero si è fatta la storia della città, con i suoi simboli storici più importanti. Impossibile citarli tutti qui, basti ricordare, per esempio il Tempio di Vespasiano, il Tempio di Antonino e Faustina o quello di Venere e Roma costruito dall'imperatore Adriano.

Via Veneto
via veneto

Chi non ha mai sentito nominare questa via? Forse la più conosciuta del centro storico di Roma e che parte da Piazza Barberini. Una strada che è diventata il simbolo della mondanità romana dei mitici anni '50 e '60. Luogo di locali frequentati anche da artisti e attori fu associata ai cosidetti paparazzi che immortalavano le celebrità che, numerose, la frequentavano e ne rendevano frizzante la vita. Ma, essendo a Roma, anche uno dei simboli più temporali e carnali della città non è privo di monumenti e opere d'arte come la Fontana della Api e la Chiesa di Santa Maria Immacolata, Palazzo Piacentini e Palazzo Margherita.

Teatro Marcello
teatro marcello

Uno dei più famosi teatri dell'Antica Roma sorto per volontà dell'Imperatore Augusto nei pressi di Campo Marzio. Si tratta di uno degli edifici, utilizzati per gli spettacoli, più antichi tra quelli che si sono conservati e che sono, fortunatamente, ancora visibili. Ed è anche uno degli edifici che più chiaramente mettono in evidenza quella che era la struttura di un teatro romano. All'epoca questo teatro aveva una capienza che, in casi estremi, poteva arrivare a ben 20000 persone. Si tratta anche di una costruzione che esalta la sapienza ingegneristica dei romani: infatti la natura paludosa dell'area su cui sorgeva ne rese necessarie opere di rafforzamento delle fondamenta.

Campo de' Fiori
campo de fiori

Ora è famosa per un bellissimo e fornitissimo mercato oltre che per la presenza della statua di Giordano Bruno. Ma fino al '400 qui c'era un prato ricco di orti e fiori da cui ha preso il nome. Qui avevano luogo le esecuzioni tra cui, appunto, quella del filosofo Giordano Bruno di cui resta una statua. Ancora oggi moltissimi turisti e romani comprano fiori nei vicini banchetti del mercato per depositarli ai suoi piedi. Fu, soprattutto nel XVI secolo un luogo di passaggio dovuto per le personalità più importanti grazie soprattutto alla Famiglia Farnese. Furono anche gli anni in cui la Piazza divenne sede di un mercato importantissimo che portò come conseguenza il sorgere di alberghi e locande ma anche di botteghe. In quegli anni la Piazza fu veramente un centro culturale per la città di Roma.

Circo Massimo
circo massimo

Antico e celebre circo romano che veniva utilizzato per le corse ippiche. Situato in quella che allora era una vallata posta tra l'Aventino e il Palatino. Questa area ebbe anche un'importantissima funzione di scambio commerciale perché nelle immediate vicinanze del fiume Tevere. Insomma siamo in una delle zone più importanti di Roma dal punto di vista storico. e sue dimensioni erano davvero imponenti con la sua lunghezza superiore ai 600 metri e la capacità di accogliere oltre 250000 spettatori. Un altro meraviglioso esempio della perizia dell'architettura romana. Ancora oggi la sua vocazione è mantenuta essendo spesso sede di eventi di massa che radunano moltissime persone.

Piazza del Popolo
piazza del popolo

La Roma Papale ha in questa piazza uno degli ultimi e più famosi esempi. Era nei secoli scorsi un luogo deputato a fiere e spettacoli. Al suo centro si trova il famoso Obelisco Flaminio il più alto della città dopo quello Lateranense. Il suo trasporto a Roma si deve ad Augusto e successivamente trasportato qui dal Circo Massimo. Una piazza questa che subì anche modifiche strutturali; in origine infatti aveva forma trapezoidale che dovette poi essere modificata per consentirne l'afflusso massiccio di visitatori. I lavori le diedero la forma attuale e le due fontane del dio Nettuno e della dea Roma. Una curiosità: i lavori di rifacimento di questa piazza furono i primo in cui a Roma non vennero usate braccia di galeotti.

Castel Sant'Angelo
castel sant'angelo

Con la sua sagoma caratteristica questo è uno dei monumenti più famosi di Roma. Chiamato anche Mausoleo di Adriano collega Roma con lo Stato del Vaticano grazie a quello che viene chiamato passetto, una specie di corridoio fortificato. Si tratta di una costruzione che, tra medioevo e rinascimento, fu più e più volte modificata. Anche questo edificio arriva dall'antichità avendo avuto inizio per volere dell'Imperatore Adriano. L'imperatore lo volle vicino al Campo Marzio. L'attuale nome arriva nel 590, anno della pestilenza. In occasione di una processione propiziatoria il papa Gregorio I sostenne di avere avuto la visione dell'arcangelo Michele. Tale cosa venne interpretata come un segno di cui rimase imperitura memoria nel nome. Nel corso dei secoli Castel Sant'Angelo divenne anche luogo di prigionia.

Piazza Venezia
piazza venezia

Ai piedi dell'altrettanto famoso Campidoglio eccoci in una delle piazze più famose di Roma. Situata la dove si incrociano alcune strade che tutti conoscono: via dei Fori Imperiali e via del Corso solo per fare due nomi. La piazza come la vediamo oggi è frutto di lavoro strutturali eseguiti tra fine '880 e inizi '900 in concomitanza con l'edificazione del Vittoriano. La sua mole di marmo troneggia sulla piazza. Sulla parte ovest della piazza si ammira la facciata di Palazzo Venezia che fu anche sede papale. Nel 1929 divenne sede governativa e da qui Mussolini teneva i suoi discorsi.

Pantheon
pantheon

Antico monumento nato come tempio per tutte le divinità. Si tratta di un edificio di epoca augustea ricostruito da Adriano che lo fece risistemare dopo due incendi che lo avevano coinvolto. Nel VII secolo divenne basilica cristiana. Anche questo sito è tra i più visitati della città avendo avuto, nell'ultimo biennio, quasi 6600000 visitatori. Particolarmente significativa è la sua cupola che, per struttura, è divenuta poi l'esempio per le cupole costruite successivamente; sia per quanto riguarda le chiese sia per quanto riguarda le moschee. La sua costruzione, non c'è che dire, è da molti considerata un vero e proprio capolavoro di ingegneria che ha pochi eguali al mondo.

Certo è difficile selezionare i luoghi di interesse di Roma perché qui ce ne sono davvero a centinaia. Ma questi sono, secondo noi, quelli da conoscere assolutamente se si viene a Roma per la prima volta disponendo di pochi giorni.